Vai al contenuto
Home » Carta Trastra: Limiti, Costi, Opinioni e Recensioni

Carta Trastra: Limiti, Costi, Opinioni e Recensioni

carta trastra

Il processo di sofisticazione tecnologica che negli ultimi anni ha colpito, a vari livelli, il mondo economico, imprenditoriale e finanziario ha favorito, indiscutibilmente, l’affermarsi di strumenti di pagamento sempre più evoluti.

Tra questi, sicuramente, le criptovalute hanno rappresentato un fenomeno a dir poco deflagrante.

L’avvento delle valute digitali, a partire dalla nascita del Bitcoin nel 2009, ha segnato una rivoluzione tecnologica e finanziaria assolutamente inaspettata.

Le criptovalute, come abbiamo già avuto modo di dire, sono valute digitali create attraverso un sistema evoluto di codici, del tutto indipendenti dal sistema di conio ufficiale, ma al pari delle valute flat autorizzate ed inserite in un meccanismo monetario mondiale, con un proprio sistema di circolazione e con un proprio valore.

Nate come strumento di pagamento alternativo ai canali più tradizionali, le criptovalute si sono affermate , in prima battuta, come prodotto finanziario ed hanno attirato attenzione e consenso da parte del pubblico retail che ha saputo scorgerne le grandissime potenzialità di rendimento.

Rimasta latente per qualche tempo, la funzione di strumento di pagamento, si sta rapidamente affermando negli ultimi anni grazie alla comparsa di società fintech che si pongono come controparte di mercato in grado di offrire strumenti di moneta elettronica atti a far circolare e a rendere possibile ed efficace la compravendita di beni e servizi contro pagamento in criptovalute.

Volendo semplificare il concetto che può apparire piuttosto ostico, possiamo affermare che per poter pagare beni e servizi in criptovalute è necessario che sussistano alcuni elementi essenziali.

In primo luogo è necessario che l’acquirente possieda un wallet in valute digitali da cui attingere e che il venditore sia disponibile ad accettare le criptovalute in pagamento.
In secondo luogo, però, è indispensabile che esistano strumenti di moneta elettronica che insistono su circuiti a larga diffusione in grado di addebitare i borsellini virtuali ed accreditare automaticamente i wallet della controparte.

Infine, è indispensabile, che tutti questi elementi coesistano e siano efficienti affinché le transazioni avvengano senza intoppi.

Per questa ragione per operare mediante criptovalute è fondamentale avvalersi di partner finanziari affidabili. Tra le opzioni disponibili sul mercato degli strumenti di pagamento in valute digitali, la carta Trastra è una delle realtà più significative che ha saputo consolidare nel tempo un buon consenso di mercato che ne ha legittimato, di fatto, l’operato e l’affidabilità.

Oggi noi ci occupiamo proprio di Trastra cercando di approfondirne le caratteristiche principali.

Cos’è Trastra?

Cominciamo subito con il precisare che Trastra non è un istituto di credito e, pertanto, non può essere comparato con alcun competitor appartenente al settore tradizionale.

Trastra è una società fintech con sede a Londra nel Regno Unito. Si tratta di una società che si pone come crypto banking personale che coniuga i benefici delle cripto valute supportate con un’ architettura di servizi di pagamenti dedicata.

Si tratta di una società attiva nel settore da oltre dieci anni, che si avvale di una competenza tecnologica elevata e che opera in criptovalute con la ferma convinzione che esse rappresentino un futuro tangibile in campo economico e finanziario.

Trastra si pone come partner di primo livello nella gestione delle criptovalute e come intermediario nell’utilizzo delle stesse come strumento di pagamento.

Per rendere possibile ed agevole la gestione delle valute digitali, Trastra ha elaborato una piattaforma informatica evoluta, ma intuitiva ed ha creato una carta di debito, collegata, al wallet digitale, attraverso la quale spendere materialmente le proprie disponibilità caricate sul borsellino virtuale.

Naturalmente per potersi avvalere dei servizi offerti da Trastra è necessario registrarsi sulla piattaforma ufficiale ed aprire un account personale.

Scopriamo, allora, come fare per concludere la registrazione ed operare con la carta di debito Trastra.

Come aprire un account Trastra?

La procedura di iscrizione alla piattaforma è piuttosto semplice e rapida.

Atterrando sulla landing page di Trastra cliccando qui, in alto a destra, è immediatamente visibile un pulsante con la scritta Iscriviti.

Pigiando il bottone si apre una schermata che va implementata con i dati richiesti.

Dopo aver inserito nome, cognome indirizzo e-mail e password, è necessario accettare le clausole sulla privacy e dare un’ulteriore conferma.

Al termine di questo primo passaggio è indispensabile attendere una e-mail da parte di Trastra contenente un link di attivazione da cliccare entro un’ora.
Così facendo è possibile iniziare la procedura di verifica dell’account che permette alla società di accertarsi dell’identità del cliente. A tal fine sarà necessario inviare in modalità telematica la documentazione anagrafica (tra cui anche una propria fotografia od un breve video). L’accertamento dell’identità del cliente è essenziale ai fini della normativa e non può essere eliminata. Il tempo medio necessario alla verifica è di circa 20 minuti, ma può essere maggiore in caso di documentazione incompleta oppure se necessari ulteriori controlli.

Conclusa la procedura di verifica è possibile iniziare ad operare con Trastra aggiungendo una o più criptovalute tra quelle supportate al proprio account ed è possibile procedere con la richiesta di una carta di debito.

Quali sono le criptovalute disponibili?

Le criptovalute con cui è possibile operare tramite l’account Trastra sono sette:

Bitcoin (BTC)
Ethereum (ETH)
Bitcoin Cash (BCH)
Litecoin (LTC)
Ondulazione (XRP)
USDC (moneta USD)
e Tether (USDT).

– Come acquistare criptovalute con Trastra?

Per comprare valute digitali è necessario accedere all’account Trastra (accertandosi che sia verificato e quindi operativo) e cliccare sul pulsante Acquista posto in alto a destra. Quindi si deve selezionare il portafoglio su cui si intende operare, scegliere la criptovaluta ed indicare l’importo in euro che si intende spendere (se si aperto l’account da meno di cinque giorni il limite massimo di acquisto è pari a 300 euro giornalieri).

Confermando l’acquisto la procedura provvedere a reindirizzare la pagina sulla piattaforma dei partner per concludere l’operazione di pagamento.
L’ordine di acquisto viene eseguito al prezzo di mercato disponibile per cui è possibile che l’addebito sia di importo lievemente differente da quello indicato.
Va precisato che l’operazione di acquisto è supportata da un profilo di sicurezza elevato con l’inserimento obbligatorio di un codice OTP che viene inviato dalla procedura sul telefono cellulare.

La carta di debito Trastra

Va precisato che la carta di debito Trastra è uno strumento di pagamento associato all’account acceso tramite la piattaforma autorizzata che insiste su uno o più borsellini virtuali e mediante la quale è possibile spendere le criptovalute caricate.

Volendo semplificare il concetto possiamo dire che si tratta di un mezzo di pagamento che funziona solo in presenza di disponibilità effettive.
Non si tratta, quindi, di una carta di credito, strumento al quale è associato una linea di credito.

Dopo questa breve premessa iniziale, scopriamo come richiedere la carta di debito Trastra, quali servizi offre, come funziona, quali limiti o massimali possiede e quanto costa.

Come richiedere la carta di debito

Per richiedere la carta di debito Trastra bisogna accedere al proprio account ed atterrare sulla dashborad personale.
Prima di procedere con la richiesta è necessario accertarsi di avere disponibilità sufficiente sul proprio borsellino virtuale. In ogni caso, comunque, è possibile ricaricare l’account prima di proseguire nell’operazione.
A questo punto bisogna accedere alla sezione Carte ed accedere all’opzione Ordina Carta.
La procedura richiede approvazione specifica delle condizioni tariffarie relative all’emissione. Soltanto dopo la conferma è possibile visionare e confermare l’indirizzo di spedizione.
La carta di debito Trastra verrà inviata entro una settimana, massimo dieci giorni, all’indirizzo scelto.
Non è possibile, al momento, tracciare l’ordine e monitorare la consegna poiché Trastra non fornisce nè il vettore nè il numero di spedizione.

Come attivare la carta

Prima di poter utilizzare la carta di debito è indispensabile procedere con la sua attivazione. Tale procedura è possibile solo con il possesso materiale della carta e richiede, in prima istanza, l’accesso al proprio account personale e selezionare la sezione Carte.
Pigiando sul bottone di attivazione, la procedura chiederà di inserire il codice CVV che può essere facilmente individuato sul retro della tessera.
E’ possibile attivare la carta anche tramite applicazione per dispositivi mobili.

Come trovare il PIN 

E’ possibile conoscere il PIN della carta soltanto dopo averla attivata correttamente. Per visionarlo è necessario individuare la sezione Carte posta sulla dashboard principale. Toccando l’opzione si apre un pop up che consente di bloccare la carta oppure di prendere visione del PIN.
Pigiando sul pulsante Get Pin viene richiesto l’inserimento del codice CVV e, una volta immesso, il codice viene proposto in automatico.
Il PIN è un dato essenziale per l’utilizzo della carta, è personale e va custodito con cura per evitare di incappare in un utilizzo fraudolento della carta da parte di terzi non autorizzati.

Quali servizi offre la carta Trastra?

La carta di debito Trastra insiste sul circuito VISA ed una carta crittografica. Essa, come abbiamo già evidenziato, è collegata ad un portafoglio di valute digitali all in one che permette di archiviare, gestire e scambiare criptovalute.

La carta di debito è dotata di un proprio IBAN che permette di ricevere pagamenti sia in valute digitali che in Euro e funziona in modalità on line ed in quella off line.
Il circuito VISA permette un ampio utilizzo a livello internazionale ed è sicuramente garanzia di sicurezza ed affidabilità.

Volendo entrare maggiormente nel dettaglio possiamo riassumere l’operatività offerta da Carta Trastra come segue:

a) Operazioni di prelevamento fondi tramiti sportelli abilitati. Tale funzione, naturalmente, non permette di prelevare criptovalute che non esistono fisicamente, ma valute flat e presuppone che sia stato effettuato prima uno scambio tra valute digitali e quelle tradizionali.
b) Operazioni di pagamento in modalità offline mediante dispositivo POS. La carta di debito Trastra, al pari di quelle più conosciute, permette di acquistare beni o servizi ed effettuare pagamenti mediante strisciata negli appositi device e contro digitazione del PIN segreto. L’addebito della somma relativa alla transazione conclusa è immediato sull’account di riferimento che, naturalmente, deve essere capiente a sufficienza.
c) Operazioni di pagamento in modalità online. E’ possibile concludere pagamenti anche tramite negozi di e-commerce. In questo caso, chiaramente, sarà necessario inserire in procedura di dati della carta per addivenire alla definizione della transazione.

Tramite applicazione, inoltre, è possibile attingere dalla propria carta per disporre bonifici SEPA verso terzi.
Va sottolineato, infine, che la carta di debito Trastra consente anche di pagare, sempre attraverso POS o gateway digitale, utenze, bollettini postali, MAV, RAV e modelli F24. La condizione indispensabile è avere liquidità disponibile poiché non è possibile caricarvi una linea di fido.

Come ricaricarla

Per aggiungere fondi sulla carta è possibile scegliere una delle seguenti opzioni:

a) Scambiare valute digitali contro euro attingendo da uno dei wallet virtuali;
b) Effettuare un bonifico SEPA a favore dell’IBAN della carta (in questo caso, però, le operazioni di pagamento non andranno ad attingere in origine al borsellino virtuale in criptovalute;
c) Inviare fondi tramite una carta di credito terza operando sui circuiti internazionali.

Il mancato funzionamento della carta di debito Trastra può essere imputato ad una delle seguenti motivazioni:

a) Inserimento di PIN o dati errati (a seconda che ci si trovi in modalità offline oppure online);
b) Numero di tentativi inserimento PIN superato;
c) Microchip bloccato oppure smagnetizzato;
d) Account dormiente oppure privo di fondi.

La carta è sicura?

La carta di debito Trastra si avvale del programma 3D Secure offerto da Visa. Il sistema di autenticazione è conosciuto per il suo livello avanzatissimo di protezione e sicurezza in termini di riduzione del rischio di frode.
Si tratta come noto di un programma di autenticazione applicato alle transazioni con moneta elettronica utilizzata in modalità on-line che permette di verificare con ragionevole sicurezza l’identità del pagatore e che certifica con ragionevole sicurezza che l’operatività ha come intermediario effettivo il circuito di pagamento.
L’utilizzo del sistema 3D Secure permette di operare in sicurezza e con una tutela rafforzata.

Va precisato che, al momento, è permesso richiedere una sola carta di debito Trastra per singolo account, ma non è escluso che, in un futuro, tale opzione venga allargata.

Non è permesso, inoltre, concretizzare operazioni di trasferimento fondi tra diverse carte di debito Trastra, ma la società ha assicurato che nel breve tale funzione sarà resa disponibile.

Quali sono i vantaggi principale offerti dalla carta di debito Trastra?

Volendo schematizzare e riassumere i principali benefici offerti dall’utilizzo della carta di debito Trastra, possiamo affermare che si tratta, senza dubbio, di uno strumento di pagamento altamente innovativo.

La carta, infatti, è un partner privilegiato per tutti coloro i quali desiderano ricevere stipendi in criptovalute e scambiare valute digitali contro Euro senza privarsi dell’opportunità di operare in valuta flat grazie alla presenza dell’IBAN integrato alla carta.

La carta di debito Trastra è completamente avulsa dai circuiti bancari tradizionali poichè non prevede la presenza di alcun intermediario bancario ed è disponibile con limiti e massimali piuttosto ampi.

La carta, inoltre, è altamente personalizzabile e può essere gestita in modo rapido ed intuitivo tramite l’applicazione telefonica per smartphone. Tra le funzioni disponibili tramite applicazione possiamo ricordare l’opzione di ricarica della carta, un servizio di notifiche altamente qualificato che permette un monitoraggio costante ed accurato di tutta l’operatività ed il servizio di disattivazione immediata della carta in caso di smarrimento (nel caso in cui essa venga ritrovata è disponibile anche il servizio inverso di riattivazione).

La carta di debito Trastra, in buona sostanza, offre la stessa funzionalità di base proposta dai circuiti bancari tradizionali, ma si distingue per la sua versatilità. La ricerca spasmodica di completezza del prodotto accompagnata da una snellezza burocratica e da un interessante rapporto tra qualità del servizio e costi applicati, ha favorito la diffusione di tale strumento di pagamento alternativo e sono numero i partner imprenditoriali che hanno iniziato ad accettare pagamenti in criptovalute.
L’adesione di massa a tali strumenti di pagamenti può davvero modificare un sistema fossilizzato su un canale tradizionale non sempre efficiente e talvolta piuttosto costoso.

L’opzione di ottenere anche l’emissione di carte di debito in versione virtuale, naturalmente, semplifica l’operatività e la rende più sicura soprattutto per quel che concerne le transazioni effettuate in modalità on-line.

Carta Trastra Business

La carta di debito Trastra è disponibile anche in versione aziendale. Si tratta di un prodotto dedicato alla piccola e media impresa che ha lo scopo di permettere la diffusione del pagamento degli emolumenti in valute digitali ed il conseguente utilizzo delle stesse come mezzo di pagamento privilegiato.

Ricevere uno stipendio in criptovalute è anche uno strumento di investimento che può essere facilmente monitorato e gestito tramite applicazione telefonica.

Ricordiamo, a tal proposito, che l’applicazione mobile è disponibile sui sistemi operativi IOS e Android ed offre un’interfaccia intuitiva sia per quel che concerne le funzioni interrogative sia per quel che riguarda quelle dispositive.

Commissioni e limiti

E’ bene precisare che la registrazione e l’apertura dell’account personale sono due funzioni disponibili a titolo gratuito.

Per quel che riguarda, invece, la carta di debito, essa è soggetta ai seguenti oneri commissionali:

– Costo di emissione della carta Euro 9,00 che vengono addebitati sul wallet digitale all’atto dell’ordine della stessa;
– Consegna della carta gratuita;
– Commissione di gestione annua Euro 15;
– Commissioni di ricarica della carta non previste;
– Commissioni di pagamento in modalità on-line e offline non presenti;
– Commissioni di cambio per acquisti in valuta diversa dall’euro 3% sul controvalore;
– Commissioni per accredito di bonifici in entrata non previste;
– Commissioni per operazioni SEPA in uscita Euro 3,00;
– Commissioni per richiesta saldo bancomat Euro 0,35;
– Commissioni di prelevamento presso sportelli ATM Euro 2,25;
– Commissioni di prelevamento extra area Euro 3% sul controvalore + 2,25;
– Commissioni per richiesta cambio PIN Euro 0,40.

Le carte di debito Trastra, inoltre, sono soggette a massimali di utilizzo piuttosto ampi.

Il saldo massimo consentito sulla carta è pari ad Euro 8.000,00 con un limite di acquisto giornaliero cumulativo in modalità on-line e offline stabilito in Euro 7.700,00.
Per quel che riguarda, invece, il limite di prelievo presso sportelli ATM convenzionati è pari ad Euro 300 giornalieri.
Il limite giornaliero previsto per operazioni SEPA è pari ad euro 8.000 che diventa euro 9.900 in misura mensile.
Il massimale di prelevamento di criptovalute dal wallet e verso altri borsellini è di euro 9.900 mentre non sono previsti limiti per il trasferimento in entrata di criptovalute.
Il limite previsto per le transazioni contacless senza digitazione di PIN è pari ad euro 90.

Le commissioni crittografiche, invece, non sono previste salvo il caso di scambio minimo di criptovalute stabilito in euro 22,00.

Opinioni e recensioni dal web

Girovagando per il web abbiamo avuto modo di riscontrare un buon indice di gradimento della carta di debito Trastra da parte della clientela che ha già avuto modo di saggiarne le potenzialità.

Tra i punti di forza evidenziati possiamo ricordare la versatilità estrema del prodotto. La clientela apprezza l’opportunità di ricevere, scambiare e pagare in criptovalute senza perdere comunque l’opzione di transazioni in valute flat grazie alla presenza dell’IBAN.

Il servizio clienti è recensito in modo positivo. Viene considerato celere nelle risposte ed accurato nella risoluzione dei problemi.

La piattaforma autorizzata è considerata sicura ed apprezzata per la sua interfaccia grafica particolarmente intuitiva ed agile. L’applicazione mobile, inoltre, è ritenuta uno strumento essenziale nella gestione del prodotto.

Il rapporto tra qualità del servizio e costi applicati pende nettamente a favore del primo aspetto. Va rilevato che le commissioni applicate sono in linea con quanto proposto dal mercato o, addirittura, più competitive.

Il circuito VISA su cui insiste la carta è altamente apprezzato dalla clientela che ne evidenzia la capillare diffusione a livello internazionale e l’elevato grado di sicurezza proposto.

La carta di debito Trastra, oltre che versatile dal punto di vista funzionale, viene considerata come affidabile e completa. L’elevato numero di criptovalute supportate ed il buon numero di Paesi in cui è possibile richiedere lo strumento rende la carta appetibile ed utilizzabile a pieno.

Tra le note dolenti, con qualche perplessità in più, invece vi è la procedura per la verifica dell’account che sembra richiedere qualche attenzione nel carico della documentazione mentre le procedure di verifica possono anche non essere del tutto immediate.

Per quel che concerne la carta di debito, invece, non vengono evidenziate criticità degne di nota.

La nostra opinione

La carta di debito Trastra è, a nostro avviso, uno strumento evoluto tecnologicamente, con ampia e variegata funzionalità, tale da renderlo di grande interesse sia per il mondo retail che per il profilo business.

L’elevato grado di sicurezza del circuito di pagamento consente di utilizzare la carta con attenzione, ma senza troppi patemi in merito ad utilizzi fraudolenti.

Poiché la carta permette di gestire e spendere valute digitali, però, è adatta a chi ha un profilo di rischio ed una conoscenza finanziaria adeguata. La trattazione di criptovalute, infatti, rimane un prodotto altamente speculativo ed un canale del tutto svincolato dal sistema monetario tradizionale.

E’ evidente che uno sviluppo massimo nell’utilizzo di valute digitali potrà rendere ancor più appetibile tale prodotto. Al momento non si può escludere che la scelta univoca del prodotto possa essere in qualche modo limitante, ma nulla vieta che la carta di debito Trastra possa coesistere e non escludere strumenti di pagamento anche più tradizionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.