Vai al contenuto
Home » Carta Wirex conviene? Limiti, Costi, Opinioni e Recensioni

Carta Wirex conviene? Limiti, Costi, Opinioni e Recensioni

La carta Wirex conviene? In questo articolo ci occuperemo delle principali caratteristiche di questo innovativo strumento di pagamento, dei suoi limiti, dei costi e delle opinioni di chi ha già avuto modo di provarla. Per capire fino in fondo il funzionamento della credit card Wirex è necessario però riflettere su alcuni dati di fatto.

Il mondo delle criptovalute spacca in due l’opinione pubblica: c’è chi ritiene che siano ormai obsolete e poco remunerative e chi invece crede ancora nel potere innovativo delle monete elettroniche. Comunque la pensiate, un dato è certo: il mercato delle carte di credito sta subendo una graduale ma irreversibile trasformazione dettata dalla necessità di inserire nella vita quotidiana proprio le criptovalute.

Le carte come la Wirex offrono la possibilità di utilizzare le crypto al pari del denaro tradizionale grazie alla presenza di un conto multivaluta che, accanto alle monete FIAT, permette di comprare e spendere le valute digitali con una facilità difficilmente ipotizzabile fino a qualche anno fa.

Cos’è Wirex?

Il nostro percorso alla scoperta della carta Wirex non può che partire da alcune informazioni relative alla società che emette la carta. Sono piattaforme relativamente nuove e poco conosciute soprattutto per chi si affaccia per la prima volta nel mondo delle crypto. È fondamentale quindi cercare di capire se questi strumenti di credito hanno alle spalle società affidabili e sicure.

La Wirex nasce con il nome di E-coin nel 2015 da un’idea di due esperti in finanza ovvero Pavel Matveev e Dmitry Lazarichev. In breve tempo diventa una delle realtà più frizzanti ma anche sicure nel mondo delle criptovalute. Oggi la sede principale si trova a Vilnius in Lituania ma la piattaforma conta uffici in tutto il mondo e 4,5 milioni di utenti, sparsi in 250 paesi.

I conti della società sono assolutamente in attivo, basti pensare che nel 2020 i CEO della piattaforma di exchange hanno affermato di aver elaborato più di 5 miliardi di transazioni in Euro, dollari ma soprattutto Bitcoin.

Nel 2021 è stata lanciata una nuova versione della Wirex nel circuito Mastercard e la Wirex X-tras ovvero un upgrade della piattaforma che ha introdotto tre diverse tipologie di conto e un profilo Business perfetto per le piccole e medie aziende.

Gli obiettivi della società però guardano oltre questi numeri in quanto il traguardo per i prossimi anni è tra i più appetibili. Wirex infatti ha dichiarato che non solo amplierà la gamma dei servizi bancari offerti ai clienti ma metterà in campo una serie di azioni volte ad aumentare l’utilizzo delle crypto nella vita di tutti i giorni.

Creditofiorentino.it non invita gli utenti ad investire in criptovalute. Questo sito si occupa solo di recensire delle carte prepagate che sono legate ad alcune piattaforme di cripto.

Inoltre vale la pena ricordare che investire in criptovalute presenta un alto rischio e si può perdere in parte o totalmente il denaro investito.

Cos’è la carta Wirex?

Da un punto di vista strettamente tecnico possiamo definire la piattaforma Wirex come un fornitore di carte di credito, debito e un exchange istantaneo. Questo vuol dire che i clienti hanno la possibilità di comprare diverse criptovalute tramite carta di credito, bonifico bancario e non solo. La carta Wirex permette agli utenti di tutto il mondo di trasformare le crypto in valuta FIAT senza nessuna operazione intermedia: la conversione infatti avviene direttamente nel momento del pagamento.

La Wirex credit card quindi ha un vestito che potremmo definire double-face: da una parte è una comunissima carta di credito che ci permette di gestire la moneta tradizionale, dall’altra invece è un vero e proprio wallet per le monete elettroniche.

Questo è il segreto della carta Wirex ovvero la capacità di interpretare la realtà economico e finanziaria nella sua complessità fornendo ai suoi clienti, come vedremo, una serie di strumenti affidabili e innovativi capaci di semplificare la gestione delle proprie risorse monetarie.

A chi è rivolta la carta?

Prima di addentrarci nelle specifiche tecniche di questa carta, è fondamentale comprendere qual è il settore di mercato al quale è dedicata. Grazie alla sua enorme duttilità, la carta Wirex è uno strumento che si rivela vantaggioso e utile per diverse tipologie di utenti. È perfetta per chi si trova a gestire ogni giorno valute diverse, per chi ama fare acquisti online e trovare un utilizzo rapido e concreto per la moneta elettronica e non solo. La Wirex è indicata anche per gli studenti e per chi ama viaggiare. È sicura e accettata nella maggior parte dei circuiti internazionali.

Sfatiamo anche un altro mito. La carta Wirex, pur proponendo servizi unici e performanti, non è dedicata soltanto agli esperti del settore. Questo strumento infatti, grazie a un’App dall’interfaccia semplice e intuitiva, è ideale per i neofiti della moneta digitale quindi per tutti coloro che si affacciano per la prima volta nel mondo delle crypto.

Quali sono le caratteristiche?

Quanto detto finora punta il focus su un elemento molto particolare: la carta Wirex offre caratteristiche uniche nel suo genere. Ma è davvero così? Vediamole nel dettaglio.

Questa credit card ci offre la possibilità di spendere le valute tradizionali e le crypto in tutto il mondo senza nessuna commissione. Questo vuol dire che all’atto del pagamento, la Wirex converte in maniera automatica i nostri soldi in valuta locale al tasso interbancario.

Uno degli aspetti più interessanti è senza dubbio la possibilità offerta ai clienti di aprire un portfolio elettronico che può ospitare fino a 30 valute divise tra 21 digitali e 9 tradizionali. I prelievi sono gratuiti presso qualsiasi sportello ATM in Italia come nel resto del mondo. L’appartenenza ai circuiti Mastercard e VISA, oltre a offrire un importante margine di sicurezza, consente alla carta di essere accettata ovunque senza problemi.

Veniamo alle peculiarità più vantaggiose di questa carta.

Il deposito di fondi può fruttare fino al 12% di interessi giornalieri su una serie di valute tradizionali.

Tra le caratteristiche più apprezzate dai clienti troviamo il programma Crytpoback che offre la possibilità di accumulare un cashback in Wirex Token in seguito ad acquisti effettuati online ma anche negli store fisici, presso strutture ricettive come ristoranti e hotel ma anche mezzi di trasporto e tanto altro ancora.

Semplificando, il Cryptoback è un programma di risparmio che, in base alla tipologia di conto scelta in fase di iscrizione, permette di costruire un piccolo salvadanaio virtuale nella criptovaluta nativa di Wirex che potremo utilizzare per ottenere una serie di sconti sulle commissioni relative alla ricarica del conto e della carta ma anche sul prelievo e deposito.

La carta è collegata a un’App che permette di monitorare in tempo reale non solo il saldo ma anche tutti i movimenti effettuati dal cliente, con la possibilità di bloccare istantaneamente la card in caso di operazioni sospette; il sistema invia delle notifiche push tutte le volte che effettuiamo una transazione. Non dimentichiamo inoltre che la Wirex può essere ricaricata in modo molto semplice tramite un’altra carta di credito o debito, con le criptovalute oppure con un bonifico bancario.

Questa carta è dotata di IBAN quindi possiamo scegliere di ricevere l’accredito mensile di stipendio o pensione, inviare e ricevere in tutta tranquillità bonifici bancari SEPA.

Possiamo scegliere in piena libertà la criptovaluta da utilizzare per le transazioni online e fisiche tra quelle presenti nel nostro wallet. Vi ricordiamo inoltre che i tassi interbancari e l’OTC sono talmente concorrenziali che l’utilizzo di Wirex può far risparmiare fino al 5% rispetto ad altre carte di credito.

Quali sono i vantaggi ?

Nel paragrafo precedente abbiamo elencato le caratteristiche principali della Wirex, caratteristiche che a un occhio più attento assumono le sembianze di veri e propri vantaggi. In questo paragrafo proviamo a scendere ancora di più nel particolare, elencando alcune peculiarità molto interessanti di questa carta. Vediamole nel dettaglio.

Wirex e NFT

La carta Wirex è legata, come abbiamo visto, al conto che occorre aprire all’atto dell’iscrizione alla piattaforma, un elemento che permette all’utente di creare quello che possiamo considerare a tutti gli effetti un Wallet.

Al suo interno ogni cliente può possedere NFT su diverse blockchain. Ricordiamo che gli NFT sono dei certificati che identificano in maniera inequivocabile e non sostituibile la proprietà di un prodotto digitale. Gli utenti quindi, oltre alla comodità di poter gestire un alto numero di criptovalute, possono memorizzare tutti i loro beni digitali in unico wallet. Questo vantaggio semplifica e snellisce la gestione del proprio portfolio virtuale in quanto elimina anche la necessità che siano inserite delle chiavi private.

Attenzione però: questa estrema semplificazione nella gestione delle monete elettroniche non influisce minimamente sulla sicurezza dell’intero sistema. Il wallet infatti vanta una sicurezza di livello MPC (calcolo multi-party) che permette l’accesso soltanto ai proprietari autenticati.

Le linee di credito Crypto-backed

La piattaforma Wirex ha introdotto una novità assoluta nel suo genere ovvero un prodotto, il Wirex Credit, che ci permette di accedere a una linea di credito per gli acquisti con carta utilizzando le monete elettroniche che abbiamo sul conto. Si tratta di un prestito veloce (quasi immediato, affermano i suoi ideatori) che può arrivare fino a 100.000 dollari in NXUSD, USDT e USDC.

Facilmente gestibile tramite App, questo credito è caratterizzato da una flessibilità pressoché totale in quanto le rate possono essere rimborsate in qualunque momento e gli interessi sono dovuti soltanto per i giorni in cui la linea di credito è stata attivata. Altri punti a suo favore sono la mancanza di commissioni di accensione e attivazione e la possibilità di usufruire fino a un massimo di 5 linee di credito contemporaneamente.

X-Account

Gli X-Account sono dei wallet in cui possiamo fa maturare interessi che possono arrivare fino al 16%, una cifra che ci verrà corrisposta in WXT o un’altra valuta. La prima opzione prevede una maggiorazione degli interessi pari al 4%.

Cryptoback

Entriamo nello specifico del programma di risparmio. Come vedremo più avanti, il cashback offerto da Wirex ed espresso in Wirex Token è legato alla tipologia di conto prescelta. Il piano standard prevede un rimborso pari al 2% mentre i livelli successivi (Premium ed Elite) offrono una percentuale che può arrivare all’8%.

Sconti con partner affiliati

Uno dei vantaggi particolarmente apprezzati dagli utenti è il piano sconti con i partner di Wirex. Il sistema funziona in modo molto semplice: colleghiamoci nella sezione apposita presente nella dashboard dell’App, cerchiamo i brand che partecipano all’iniziativa ed effettuiamo l’acquisto con la card. Una volta perfezionata la transazione, Wirex ci riconosce una ricompensa calcolata in Token.

Come si richiede la carta?

Richiedere la carta Wirex è semplicissimo, tutto quello che dobbiamo fare è scaricare l’App dedicata, disponibile per iOS e Android. A questo punto, se ancora non l’abbiamo fatto, il sistema ci chiederà di creare un conto sulla piattaforma. Due i requisiti richiesti: aver compiuto 18 anni di età ed essere residenti in uno dei 130 paesi in cui opera la Wirex.

Esistono 3 diverse tipologie di conto.

Lo Standard è da considerare come l’entry-level della piattaforma stessa. È un conto che non prevede nessun costo per il deposito tramite bonifico né nessuna spesa mensile per la carta. I prelievi, entro 400 euro mensili, sono gratuiti; una volta superata la soglia, il sistema applicherà una commissione pari a 2 euro per ogni prelievo effettuato presso qualsiasi sportello ATM. Lo Standard permette un cashback pari al 2% sulle cifre spese per gli acquisti online e nei negozi fisici.

Il conto Premium invece prevede un costo di 9,90 euro mensili e un guadagno annuale totale fino al 14% sui Wirex Token. Sale la percentuale del cashback in quanto si attesta intorno al 3%.

L’ultima tipologia di conto è l’Elite che prevede un canone mensile pari a 29,99 euro mensili. Sale ancora il Cryptoback può arrivare all’8% e il saldo in WXT ammonta al 20% annuale.

Un piccolo consiglio: se vi affacciate per la prima volta nel mondo delle criptovalute o non siete comunque ancora esperti, vi consigliamo di sottoscrivere il piano gratuito e passare soltanto in un secondo momento alle tipologie a pagamento.

Per aprire il conto e richiedere la carta, la dashboard ci chiederà di compilare un modulo con i nostri dati anagrafici compresi di indirizzo mail e numero telefonico, necessari per ricevere tutte le comunicazioni inerenti la piattaforma.

Creiamo una password comprendente lettere, numeri e caratteri speciali. A questo punto, il sistema invierà al numero di cellulare indicato un codice di verifica da inserire all’interno dell’apposito box.

Una volta terminati questi step, dovremo procedere alla verifica della nostra identità. Tutto quello che dobbiamo fare è caricare la foto di un documento di riconoscimento e scattare un selfie. Teniamo a portata di mano anche una bolletta delle utenze relative a gas, luce o acqua perché ci saranno richieste per confermare la residenza indicata in fase di iscrizione.

A questo punto siamo pronti per ordinare la carta. Clicchiamo sulla sezione Carte della nostra dashboard e in seguito su Richiesta, scegliendo tra la versione virtuale della Wirex card o quella fisica. Quale conviene? In realtà non esiste una risposta univoca a questa domanda perché tutto dipende dall’utilizzo che ne vogliamo fare. Se abbiamo in previsione di usare questa carta di credito esclusivamente per gli acquisti online, allora la versione virtuale è quella che fa per noi; in caso contrario meglio richiedere quella fisica.

Come attivare la carta

Una volta ricevuta la Wirex, è necessario attivarla seguendo le istruzioni indicate in maniera chiara e inequivocabile sull’App. Dopo aver terminato l’intera procedura, possiamo ricaricare la carta con una delle metodologie indicate in piattaforma e iniziare tranquillamente a usarla.

Per quanto riguarda i tempi di attesa, vi ricordiamo che la carta, inviata dal Regno Unito, impiegherà all’incirca 4 o 5 giorni lavorativi per arrivare all’indirizzo indicato durante la fase di registrazione.

Come si gestisce?

Una volta attivata la carta è necessario imparare a gestirla. Non pensiamo a nulla di complicato perché, grazie ai servizi di home banking e alla pratica App, utilizzare la Wirex è veramente semplice. È sufficiente loggarsi e accedere all’Area personale per chiedere il cambio valuta, eseguire varie operazioni sul conto o addirittura trasferire il denaro da un account Wirex a un altro utilizzando semplicemente un Pc, un tablet o, in alternativa, il nostro telefonino.

Come si ricarica?

Ricaricare la nostra Wirex è semplicissimo. Possiamo utilizzare infatti PayPal o Payoneer oppure qualsiasi altra carta di credito o debito. In alternativa il sistema consente di trasferire il denaro sulla Wirex card tramite bonifico bancario oppure utilizzando un qualsiasi sportello ATM presente sul territorio.

Come si fa a prelevare?

Non facciamoci trarre in inganno dai servizi innovativi offerti da Wirex. Questa carta infatti possiede tutte le funzionalità tipiche di un classico bancomat quindi, per prelevare del denaro contante, basta recarsi presso qualsiasi sportello, inserire la carta e digitare il proprio PIN per prelevare del denaro contante.

Come verificare il saldo?

La verifica del saldo può essere fatta tramite App o sito ufficiale. Una volta inseriti i nostri dati personali, clicchiamo sulla voce saldo e verifichiamo tutti i movimenti effettuati con la carta. In alternativa, dopo aver prelevato allo sportello, possiamo richiedere l’estratto conto e controllare quindi il saldo rimasto.

Quali sono i costi?

Uno degli argomenti più spinosi in merito alle carte di credito è senza dubbio quello relativo ai costi. La presenza di un canone o di commissioni particolarmente elevate è un elemento che dobbiamo tener sempre presente quando stiamo per scegliere una carta prepagata.

Per quanto riguarda la carta Wirex, come abbiamo visto, occorre distinguere la tipologia di piano scelta in fase di iscrizione. Lo Standard non prevede nessun canone, la consegna della carta è gratuita in qualsiasi paese dell’Unione Europea, il deposito e la conversione in bitcoin è gratis così come la conversione in altra valuta. Il prelievo non prevede commissioni fino a un tetto massimo di 400 euro mensili.

Il Premium e l’Elite invece, a fronte di una serie di vantaggi in più, prevedono la presenza di un canone mensile. Non ci sono, anche in questo caso, costi di prelievo fino a 400 euro al mese. Oltre questa soglia viene applicata una percentuale del 2%.

Ricordiamo che Wirex ci offre la possibilità di rispamiare sul canone qualora scegliamo la formula di pagamento annuale al posto di quella mensile.

I trasferimenti da un conto a un altro sono sempre gratuiti a patto però che il destinatario sia titolare di un conto Wirex.

Gli acquisti, online e nei negozi fisici, non prevedono commissioni.

Per una visione completa dei costi vi invitiamo a consultare con attenzione il riepilogo informativo presente sul sito ufficiale della piattaforma Wirex.

Limiti?

Gran parte dei limiti dipendono dal tipo di conto aperto sulla piattaforma. In linea generale possiamo dire che non è possibile prelevare più di 2.000 euro al giorno e più di 1.000 euro per volta. Il limite di ricarica giornaliero è di 2.500 euro mentre il limite di trasferimento è pari a 5000 euro al giorno.

Anche in questo caso vi invitiamo a consultare con attenzione il riepilogo informativo presente sul sito.

Cosa fare in caso di smarrimento o furto?

È inutile negarlo: phishing, clonazione, furto ma anche un semplice smarrimento sono avvenimenti all’ordine del giorno. Nel caso della card Wirex però occorre riflettere su alcuni elementi molto importanti.

Wirex è tra le piattaforme più sicure presenti sul mercato e non soltanto perché è autorizzata dalla Financial Conduct Authority. La sicurezza dei conti del clienti è assicurata infatti da tecnologie particolarmente sofisticate come, ad esempio, l’autenticazione a due fattori (2FA) e la certificazione PCI DSS di primo livello. Le criptovalute inoltre, proprio per evitare qualsiasi tipo di problema, sono mantenute in cold-storage offline. Questo accorgimento permette di rimanere online soltanto alle cripto destinate agli scambi immediati.

Tuttavia, nel caso in cui si verificasse un contrattempo, Wirex ci offre la possibilità di bloccare in tempo reale la carta, sospendendola o eliminandola del tutto. Vi ricordiamo che, in quest’ultimo caso, sarà necessario avvisare il Servizio Clienti, richiedere l’emissione di una nuova card e procedere con il trasferimento dei fondi presenti sulla vecchia carta.

Assistenza e supporto

Un elemento chiave delle carte legate alla criptovaluta è la possibilità di poter usufruire di un Customer Care multicanale. Nel caso di Wirex abbiamo a disposizione soltanto un form sul sito o direttamente nell’App da compilare con i nostri dati personali. In alternativa possiamo inviare una comunicazione scritta al 25 Old Broad Street, Londra.

Cosa succede se si chiude il conto?

I clienti Wirex possono chiudere in ogni momento il loro conto. Tale azione comporta ovviamente il decadimento della carta che viene disattivata e deve essere “distrutta” fisicamente dal suo possessore.

Opinioni e recensioni

Il web è ricco di opinioni e recensioni relative alla carta Wirex. L’aspetto giudicato più interessante della carta ma in generale di tutta la piattaforma è il lato relativo alla sicurezza. I clienti apprezzano il sistema di autenticazione a due fattori e la possibilità di custodire le criptovalute in un wallet offline. Molte recensioni positive riguardano il limite del prelievo giornaliero, considerato ampio e sufficiente, la presenza di un piano gratuito e tassi di conversione tra i più concorrenziali del mercato.

Il grande svantaggio di Wirex è purtroppo il Customer Care, difficile da contrattare e poco risolutivo.

In conclusione, carta Wirex conviene? Assolutamente sì, soprattutto se siamo alla ricerca di una carta di credito con poche commissioni e un programma Cashback di tutto rispetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *